Menù
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità

Categorie
Achab
Argonavis Edizioni
Arterigere
AttilioFraccaroEditore
Autoproduzioni Fenix
Azione Sperimentale
Bébert Edizioni
ben...Essere
BFS Edizioni (Biblioteca Franco Serantini)
Biblohaus
Bizzarro!
Book Editore
Casa di Marrani
CD Musica
Centro Documentazione di Pistoia
Centro Espressioni Cinematografiche
Centro Studi Cinematografici
Cinemazero
Città del Sole Edizioni
Colibri'
Diest
Dissensi Edizioni
Drago Edizioni
Ecomuseo Colombano Romean
Edicta
Edizioni Creativa
Edizioni del Faro
Edizioni L'internazionale
Edizioni Nautilus Torino
Edizioni S
Ellin Selae
EMI
Ente dello Spettacolo
Eris Edizioni
Ermes
Ferrari Editore
Frullini Edizioni
Gallino
GME Produzioni
Il Ciliegio
Il Galeone
Immanenza
Impremix
Intra Moenia
Isonomia
Istrixistrix
Kappa Vu
Kurumuny
L'Obliquo
La Cineteca del Friuli
La città del sole
La Fiaccola
La Mandragora
La Memoria del Mondo
La Piccola
La Rosa
La Zattera dell'Arte
Lorusso Editore
Lu.Ce Edizioni
Magmata
Malanotte Autoproduzioni
Marco
Marx Ventuno
MC Editrice
Memoria Generazionale
Michele Manca Edizioni
Moroni Editore
Multimedia
Muscles
Nautilus
NonCredoLibri
Ortica Editrice
Petite Plaisance
Porfido
Prospettiva Editrice (Civitavecchia)
Prospettiva Edizioni
Punto Rosso
Rave Up
Red Star Press
Rinascita Edizioni
Sabbiarossa Edizioni
Sala
Sankara
SEB 27
Secondavista Edizioni
Seminario Veronelli
Sensibili alle foglie
Serarcangeli
Shambhu
Sicilia Punto L Edizioni
Simple
Società di Mutuo Soccorso Ernesto de Martino
Storia Ribelle
Tabor
Tucker Film
Zambon
Zero in Condotta

CERCA
inserisci una parola:
 
 
     

offerte

PAGINE DI STORIA "RIMOSSE"



Prezzo*: € 10,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

Pagine di storia "rimosse"
  • La politica e i crimini di guerra dell'Italia fascista in Jugoslavia (di Enrico Vigna)
  • Santa messa per i miei fucilati (di don Pietro Brignoli)

All'interno delle attività svolte dall'Associazione "SOS Yugoslavia" in questi anni, un grosso impegno l'abbiamo dedicato a un lavoro di informazione, intendendo per questo non solo la diffusione di aspetti legati all'attualità corrente (svolta questa attraverso il bollettino "Yugoslavia Notizie", i Quaderni Yugoslavia e il sito www.Resistenze.org dove siamo ospitati per le tematiche dei paesi della ex Jugoslavia), ma anche attraverso un lavoro di ricerca e di documentazione storica, che permetta a coloro che vogliono approfondire o acquisire strumenti formativi, di reperire dati e aspetti storici spesso poco facilmente reperibili.

Questo il motivo della riproposizione di un vecchio testo editato trentuno anni fa e riguardante fatti del '41-'45, e non certo per motivi editoriali o librari, bensì perché la lettura/riproposizione di questo tragico diario, scritto da un cappellano militare italiano, testimone diretto delle efferatezze e crimini compiuti dal fascismo italiano in quelle terre, che accompagnava o portava l'estremo saluto alle vittime della barbaria fascista italiana, a partigiani, vecchi, donne e bambini, ha un valore incancellabile di memoria storica.

Questo diario fu pubblicato quattro anni dopo la morte del cappellano e fu tagliato nelle sue parti dove, le efferatezze e i crimini superavano anche la "giustificazione bellica" e testimoniavano crudemente la più barbara crudeltà, da parte degli occupatori italiani di quelle terre.

Scorrendo le già terribili pagine del diario pubblico, possiamo solo immaginare cosa descrivessero le parti "censurate", a cosa potevano essere arrivati con la ferocia, che don Brignoli aveva descritto, le truppe italiane occupanti.

Per questa sua testimonianza, legata semplicemente a un senso di umana pietà e dolore per le vittime, e non certo per simpatie personali o ideologiche, essendo egli un convinto anticomunista, scampò per un soffio alla Corte marziale con l'accusa che già si mormorava di scarsa "italianità".

Una cruenta cronaca di crimini e atrocità, che entra a pieno titolo nel dibattito attuale sulla cosiddetta questione Foibe, tornata in auge e sotto i riflettori in questi ultimi mesi, non come continuazione di un "cavallo di battaglia" storicamente patrimonio dei fascisti italiani e della destra, ma come espressione di una linea e interpretazione di "revisionismo storico" a sinistra, forse perché non attenti e profondi conoscitori della storia, dei fatti e delle dinamiche avvenute in quelle regioni nel novecento, o forse per motivi più profondi...






Torna alla homepage




CARRELLO DELLA SPESA
  sono presenti
0 prodotti
 
     

Login

NEWSLETTER
inserisci la tua email:
 
 
     

Novità